.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

29 aprile 2011

La Germania apre finalmente mercato del lavoro ai lavoratori dell'Est

Con Dettmer Markus e Puhl Jan


Polish workers on a construction site in central Warsaw. As of May 1, citizens of the Eastern European countries that joined the EU in 2004 can work legally in Germany and Austria.
Malecki Piotr / DER SPIEGEL
lavoratori polacchi in un cantiere 
edile nel centro di Varsavia. 
Dal 1 ° maggio, i cittadini dei
 paesi dell'Europa
orientale che hanno
 aderito all'UE nel 2004 
possono lavorare legalmente
in Germania e in Austria.

Il 1 ° maggio, la Germania e l'Austria apriranno i loro mercati del lavoro ai cittadini dei paesi dell'Europa orientale che hanno aderito all'UE nel 2004 - dopo sette anni più altri membri dell'UE farli entrare Ma Berlino paure protezionistiche hanno solo ferito l'economia tedesca, mentre il paese si lotta per attrarre abbastanza lavoratori qualificati.
Nowhere di Varsavia è ripresa del paese visibile come lungo la strada tra Frederic Chopin Airport e dal centro città. Molti investitori stranieri, compresi i supporti gigante tedesco Axel Springer, Unilever e Kraft Foods, hanno allestito un negozio nel quartiere di Mokotow, erigendo complessi di uffici in acciaio e vetro con nomi come Tulipan House e Optimus Business Park.

Gigante americano fotocopiatrice Xerox opere fuori del Trinity Park. La sua attività è in forte espansione, e l'economia polacca è sano.
Anche così, la testa Xerox Polonia delle risorse umane, Sebastian Gerstmann, è preoccupato per il futuro - in particolare quello che succederà dopo il 1 maggio. "Credo che ci sia un pericolo reale perderemo molti dei nostri specialisti di computer ben preparata, in particolare coloro che sono in procinto di laurearsi, perché avranno offerte migliori in Germania," dice. Ministro dell'Economia tedesco Rainer Brüderle recentemente detto che l'economia tedesca ha bisogno di almeno 66.000 specialisti IT. Per Gerstmann, che suona come una minaccia.
Dal 1 maggio in poi, i lavoratori provenienti dalla Polonia, dalla Repubblica Ceca, Slovacchia, Stati baltici, l'Ungheria e la Slovenia sarà permesso di vivere e lavorare in Germania e Austria. Che era proibito fino ad ora perché Gerhard Schröder, il cancelliere tedesco poi, è riuscito a imporre un periodo di transizione di sette anni gli Stati membri dell'UE dell'Europa orientale, quando si è iscritto al blocco nel 2004. Questa moratoria in materia di accesso ai mercati del lavoro avrebbe dovuto tutelare carpentieri tedesco, saldatrici e programmatori di computer contro i più economici concorrenti provenienti da Oriente.
Timori Reversed
Ora, questo periodo di luna di miele è finita, fino a 50 milioni di europei dell'Est potrebbe teoricamente applicare per ogni lavoro che sarà disponibile in Germania. Tuttavia le condizioni di base sono cambiati drasticamente dal 2004. La Germania è in piena espansione, e gli stati ex comunisti dell'Europa orientale si sono scrollati di dosso il fardello del loro passato, e ora intaglio su tassi di crescita elevati.
La paura ha cambiato bandiera: i tedeschi preoccupazione non riguarda più l'afflusso di lavoratori dall'est. Al contrario, essi sono desiderosi di ottenere loro. In effetti, è abbastanza possibile che la Germania non sarà in grado di corteggiare abbastanza per soddisfare la fame dei manager tedeschi di manodopera supplementare. Ora è la volta della Polonia, della Repubblica ceca, la Slovacchia e l'Ungheria a preoccuparsi che le loro menti più intelligenti e migliori artigiani possono lasciare per l'Occidente.
Gerstmann dice che i suoi connazionali sono estremamente ben educati, sono fluente in lingue straniere e sono molto motivati ​​- esattamente le competenze ora è preoccupato. "Datori di lavoro polacchi dovrà pagare salari più alti e offrono le migliori opportunità per mantenere le persone nel paese," dice. Dopo tutto, un programmatore di computer in Germania guadagna ancora il doppio di quanto il suo omologo polacco.
I sondaggi mostrano Gerstmann non è solo nella sua paura: circa il 40 per cento di tutti i principali datori di lavoro polacchi temono le "conseguenze negative" di un confine aperto.
Lavoratori dell'Est Europa dimostrato che sono estremamente mobili quando i loro rispettivi paesi hanno aderito all'UE nel 2004. Due milioni di polacchi si trasferì da solo verso l'Europa occidentale in cerca di lavoro, voce soprattutto per la Gran Bretagna, Irlanda e Paesi Bassi.
Limited Movimento attesi
L'esodo sarà più piccola questa volta. L'Istituto tedesco per mercato del lavoro e professionale di ricerca (IAB) a Norimberga non si aspetta più di 140.000 persone l'anno sarà emigrare in Germania. Varsavia-based demografo Krystyna Iglicka crede fino a 1 milione di persone si sposteranno da sola Polonia, anche se diffuso in tutto il prossimi due anni.
Anche se le cifre come queste sono grandi abbastanza per preoccupare i datori di lavoro polacchi e cechi, sono troppo piccoli per soddisfare i loro colleghi tedeschi. La Germania è a corto di manodopera qualificata, e la sua popolazione è in calo. Dal 2020 in poi, quando i figli del baby boom andare in pensione prima, si prevede che più persone lasceranno il lavoro di giovani entreranno nel mercato del lavoro. E perché la situazione è simile in quasi tutti i paesi europei, un'aspra battaglia è scoppiata sui lavoratori qualificati del continente. I giorni sono ormai lontani quando la Germania doveva solo chiedere per i lavoratori per essere inondato con i richiedenti. Infatti, nel 2008 e 2009 persone hanno lasciato la Germania più di emigrati del paese.
La Germania è ormai troppo tardi per ingegneri di alto cherry pick-orientale dell'Europa e esperti IT. Il più giovane e dinamica di questi sono già al lavoro in Gran Bretagna e Svezia, secondo l'Istituto di Colonia per la ricerca economica. Questi lavoratori si stabilirono in questi paesi e ha iniziato la carriera e le famiglie mentre la Germania è stata la scelta di nascondersi dietro il divieto di immigrazione di sette anni.

"Questo atteggiamento esitante, sulla base di timori di un possibile effetto negativo sul mercato del lavoro tedesco, si rivolge ora fuori per essere stato un errore enorme", dice Klaus Zimmermann, il capo della sede a Bonn Istituto per lo Studio del Lavoro. In una conferenza a Varsavia il commercio di questa settimana, ha detto Zimmermann società tedesche non devono aspettare che la gente di Polonia, Repubblica ceca e gli Stati baltici per alzare, ma deve attivamente recluta mentre c'è ancora tempo.
Guardando più a est
La maggior parte dei potenziali immigrati probabilmente provengono dalla Polonia occidentale, che si trova particolarmente vicino alla Germania e dove molti giovani già parlano tedesco.
Cinque anni fa, l'Università di Breslavia ha iniziato a preparare l'esodo previsto - da parte il corteggiamento giovani studiosi del futuro da parte di paesi ad est della Polonia. Con successo: Sono riuscito ad attrarre 500 studenti provenienti da Ucraina, Bielorussia, Moldavia e Kazakistan.
Tradotto dal tedesco da Jan Liebelt


Fonte: DER SPIEGEL

. .

28 aprile 2011

L'amianto è nei tetti, nelle condutture, amianto al microscopio nei cassoni per la raccolta di acqua potabile, nelle canne fumarie o all'interno dei pavimenti vinilici e di mal d'amianto si continua a morire!


(Adnkronos) - E' fuorilegge da quasi vent'anni ma la sua presenza, anche nelle nostre case, è ancora molto alta e il rischio per la salute ancora attuale. L'amianto è nei tetti, nelle condutture, 
amianto al microscopio
nei cassoni per la raccolta di acqua potabile, nelle canne fumarie o all'interno dei pavimenti vinilici e di mal d'amianto si continua a morire. A diciotto anni dalla legge 257 del 1992 che lo metteva al bando, l'amianto è ancora molto diffuso in Italia e tanti siti contaminati attendono di essere bonificati. A ricordarlo è la Legambiente alla vigilia della Giornata mondiale delle vittime dell'Amianto, per la Sicurezza e la salute che si celebra domani. La stessa legge, ricorda l'associazione ambientalista, obbligava le Regioni ad adottare entro 180 giorni il Piano Regionale Amianto, un programma dettagliato per il censimento, la bonifica e lo smaltimento dei materiali contaminati. Ad oggi, secondo un rapporto di Legambiente, solo 13 Regioni hanno approvato un Piano Regionale per la bonifica. Ma anche quando il piano esiste, mancano le azioni che lo dovrebbero seguire, come la mappatura dei manufatti contaminati. Solo due regioni si sono poste una data entro cui completare la bonifica: la Lombardia nel 2016 e la Sardegna entro il 2023. L'Italia è stata il secondo paese produttore europeo e tra i principali consumatori di amianto. Secondo le stime del Cnr e di Ispesl ci sono ancora 32 milioni di tonnellate di amianto sparse per il territorio nazionale e un miliardo circa di metri quadri di coperture in eternit sui tetti. Un aiuto all'eliminazione della fibra killer era contenuto nel Conto Energia bloccato dal decreto Romani: per chi voleva sostituire tetti e coperture in eternit e amianto con pannelli solari fotovoltaici, le tariffe incentivanti del nuovo Conto Energia erano maggiorate del 10%. Ma il Governo ha bloccato tutto. "Pochi sanno che gli incentivi al solare sono forse la prima speranza per liberarci dalle coperture in eternit in pochi anni. E' ora che il Governo metta fine alla farsa sugli incentivi bloccati dal decreto Romani" afferma Andrea Poggio, vice direttore nazionale di Legambiente. "Non si facciano speculazioni sulla salute delle persone e si consenta davvero ai cittadini -cotinua Poggio- di accedere alle agevolazioni per eliminare la fibra killer da tetti e capannoni e scegliere i pannelli solari". L'eternit non rappresenta un rischio per la salute se rimane integro ma, sottolinea Legambiente, diventa pericoloso se è in cattivo stato di conservazione, usurato o rotto. L'associazione ambientalista ricorda quindi che il direttore dell'Istituto Superiore per la Prevenzione (Ispesl), stima che l'amianto provochi circa 4000 decessi all'anno. Secondo il Registro Nazionale Mesioteliomi i più colpiti sono gli operai che lavorano la fibra, seguiti dai famigliari e dagli abitanti delle zone vicine ai grandi centri di pericolo, come Casale Monferrato. L'Agenzia dell'Oms per la ricerca sul cancro (Iarc) classifica l'amianto come sicuramente cancerogeno per l'uomo, capace di provocare tumori della pleura (mesoteliomi), del polmone, della laringe, dell'ovaio. Inoltre lo Iarc ritiene probabile che l'amianto possa provocare anche tumori dell'apparato digerente (faringe, stomaco, colon). Non esiste un limite di concentrazione delle fibre al di sotto del quale l'amianto possa considerarsi innocuo. A basse concentrazioni il rischio è minore, ma non diventa mai zero. La malattia, prosegue Legambiente, può manifestarsi anche quarant'anni dopo l'esposizione, per questo motivo gli epidemiologi prevedono che la mortalità per il più tipico dei tumori da amianto (mesoltelioma) aumenterà ancora, nonostante la proibizione al commercio, per raggiungere il picco all'incirca nel 2020.
 "Per questi motivi Legambiente -continua Poggio- ha lanciato con la società AzzeroCO2 la campagna Eternit free, già partita con grande successo in molte provincie e regioni e presto anche a Milano e in Lombardia. Ci proponiamo insieme di salvare vite e di promuovere green economy, speriamo che il governo lo capisca e intervenga rapidamente per eliminare il tetto di potenza annuale per gli impianti installati sugli edifici e per introdurre un premio per la rimozione dell'eternit fisso e invariante accogliendo la proposta di Aper dei 5 eurocent/kWh". Ma come difendersi da questo materiale-killer. L'amianto, afferma Legambiente, va ricercato negli edifici costruiti prima del 1992, anno della messa al bando del suo commercio. Gli organismi preposti ai controlli sono la Asl e l'Arpa. Il proprietario dell'immobile (in caso di condomini, l'amministratore) ha il dovere di segnalare alla Asl la presenza di amianto attraverso una scheda di censimento, in genere scaricabile dal sito Internet della Regione di appartenenza. Alcuni Comuni hanno avviato un proprio censimento utilizzando la medesima scheda inviata a tutti i cittadini.

18 aprile 2011

Nuovo intervento papale contro il progresso e “l’uomo che vuole essere Dio”

Nuovo intervento papale contro il progresso e “l’uomo che vuole essere Dio”

--------------------------------------------------------

Calma, non facciamo confusione!

Calma non facciamo confusione!

Ieri l’arcivescovo Tettamanzi e oggi il rappresentante Islamico insultano l’Europa.

Il primo attaccando l’Europa e il mondo economicamente consistente che non vuole accettare  la marea di persone che arrivano dall’Africa.

Il secondo rappresentante Islamico addiritura oltre a professarsi giacobino… si riferisce all’Illuminismo quale fonte di uguaglianza non  rispettata con le stesse logiche del Tettamanzi.

L’analisi che questi opportunisti appare disastrosa specie se viene fatta propria dai media. Quello che dicono è falso disdice la realtà dei fatti e mente alla propria gente ,  non certo l’europa colta e indipendente illuminista ha richiesto il non uso dei preservativi o la logica di più mogli espressioni per meglio procrearee e aumentare il numero degli esseri ( cavallette) tenuti in uno stato infantile per poterli usare a proprio piacimento in nome di Dio!.

L’Europa Laica e la Cina come l’ America e la Russia Laica non ha mai appoggiato queste logiche di procreazione e di rinascita sociale attraverso la enorme procreazione.

La Cina attaccata e condannata dai media di potere e dalla chiesa ha addirittura  previsto una contrazione delle nascite, e qui in Europa/America/Russia le famiglie di cultura indipendente si sono fermate su di un figlio o massimo due.

La situazione appare gravissima poiché questi fanatici religiosi coperti da false bontà e falso buon senso stanno guidando masse, tenute nell’assoluta ignoranza alla conquista, (si noti bene l’offerta del Vaticano di sostituire la festa del Lavoro con la festa per il Papa Polacco!)  e questo per ottenere  privilegi del potere su una massa di fanciulli confusi e obbligati al credo assoluto. Quello che si stà prospettando, se  non si fermeranno la situazione è il più buio medioevo con la vittoria degli   ayatollah e Papi vari.

Necessita una nuova cultura trasversale mondiale indipendente e democratica lontana dagli interessi economico politici delle religioni e attenta ad evitare un altro periodo medioevale e buio della storia che potrebbe portare alla distruzione del mondo stesso.

Fermiamoli, non per respingere ma per liberarli!

. .

13 aprile 2011

7 miliardi di persone vorrebbero... ma...

. .

quasi 7 miliardi di persone vogliono qualcosa che 7 miliardi di persone non possono avere. "

Su Scienze, un blog americano di grande frequentazione, si inizia a parlare di una questione  alla quale nessuno può sfuggire.
Lasciamo a Voi ogni commento su questa" pentola in ebollizione " che si chiama mondo e che individua come modello una vita irraggiungibile,  stile indotto e che meno il 4% della popolazione globale ostenta,  propone e può accedervi.


Immigrazione, disillusioni, sconforti, tragedie, corruzione,  terrorismo, fanatismi religiosi, mafia e altro hanno origine in queste logiche, sono fenomeni che non possono essere studiati ne non possono essere compresi ne combattuti (salvo con la repressione) se non si prende in esame seriamente questa realtà.


I media fanno finta di ignorare questo problema cercando di rimandare al più tardi la presa di coscienza. Questo è male poiché propone solo una possibilità di degenerazione della situazione esasperando conflitti di classe e lasciando spazio a quelle forze che tendono ad un asservimento dell'uomo sull'uomo (schiavitù) attraverso uno schema motivato dalla conquista e la soppressione dei diritti e del rispetto verso altri.  Andrebbe anche bene  per una colonia di animaletti aggressivi ma non certo per una specie, quella umana, che sta affrontando la realtà con altre specie sicuramente presenti nell'universo. 


Fonte: http://scienceblogs.com/casaubonsbook/2011/04/what_is_adapting_in_place.php


"Come possiamo creare un modello di una vita degna di aspirare a che non è distruttiva, che prende onestamente un'occhiata a dove stiamo andando? - Questo non è banale, e non è forse puramente personale, infatti, si potrebbe sostenere che questo è più questione centrale mondo unico, perché per gli ultimi 70 anni, gli Stati Uniti e le altre del Nord Globale delle Nazioni hanno esportato la visione di una vita che è penetrato in tutto il mondo. Con la politica e con la forza militare e con il denaro e con Hollywood e con tutto quello che abbiamo, abbiamo modellato i consumi, abbiamo modellato energia a buon mercato, e abbiamo creato quasi 7 miliardi di persone a volere qualcosa che 7 miliardi di persone non possono avere. "  .

11 aprile 2011

ricordiamo con rispetto un grande giorno per tutta l'umanità.Ciao Yuri!

. .

10 aprile 2011

quasi 7 miliardi di persone vogliono qualcosa che 7 miliardi di persone non possono avere. "

Su Scienze, un blog americano di grande frequentazione, si inizia a parlare di una questione  alla quale nessuno può sfuggire.
Lasciamo a Voi ogni commento su questa" pentola in ebollizione " che si chiama mondo e che individua come modello una vita irraggiungibile,  stile indotto e che meno il 4% della popolazione globale ostenta,  propone e può accedervi.


Immigrazione, disillusioni, sconforti, tragedie, corruzione,  terrorismo, fanatismi religiosi, mafia e altro hanno origine in queste logiche, sono fenomeni che non possono essere studiati ne non possono essere compresi ne combattuti (salvo con la repressione) se non si prende in esame seriamente questa realtà.


I media fanno finta di ignorare questo problema cercando di rimandare al più tardi la presa di coscienza. Questo è male poiché propone solo una possibilità di degenerazione della situazione esasperando conflitti di classe e lasciando spazio a quelle forze che tendono ad un asservimento dell'uomo sull'uomo (schiavitù) attraverso uno schema motivato dalla conquista e la soppressione dei diritti e del rispetto verso altri.  Andrebbe anche bene  per una colonia di animaletti aggressivi ma non certo per una specie, quella umana, che sta affrontando la realtà con altre specie sicuramente presenti nell'universo. 


Fonte: http://scienceblogs.com/casaubonsbook/2011/04/what_is_adapting_in_place.php


"Come possiamo creare un modello di una vita degna di aspirare a che non è distruttiva, che prende onestamente un'occhiata a dove stiamo andando? - Questo non è banale, e non è forse puramente personale, infatti, si potrebbe sostenere che questo è più questione centrale mondo unico, perché per gli ultimi 70 anni, gli Stati Uniti e le altre del Nord Globale delle Nazioni hanno esportato la visione di una vita che è penetrato in tutto il mondo. Con la politica e con la forza militare e con il denaro e con Hollywood e con tutto quello che abbiamo, abbiamo modellato i consumi, abbiamo modellato energia a buon mercato, e abbiamo creato quasi 7 miliardi di persone a volere qualcosa che 7 miliardi di persone non possono avere. " 


. .

9 aprile 2011

attualità e informazione

attualità e informazione

Forse è ora che la politica faccia un po di autocritica.

Non per polemica, ma solo per non essere presi per i fondelli facciamo il punto delle cose che il Sig. Presidente del Consiglio il signor Berlusconi ha detto ultimamente, ohppps!… sempre se non è una montatura fatta dalle così dette sinistre e dopo un piccolo sondaggio presso i sostenitori del President,e confermiamo che sono tutte sporche bugie. Questo sia chiaro perché tutti sono contro Berlusconi e il contagio è evidente come il fatto che tutti i paesi Europei o almeno i più importanti sono contro di noi Italiani (si cercano alleati al pianto dell’Italia, sola e abbandonata interprete della sceneggiata Napoletana).

ecco quanto ascoltato:

1) in tunisia alla TV ha IL Sig. Presidente ha invitato i ragazzi tunisini a venire i n Italia (abbiamo visto il risultato!).

2) a Roma IL Sig. Presidente durante la premiazione di laurea ha detto che l’Italia non è un paese Democratico.

3) oggi a Lampedusa il Sig. Presidente ha detto che la Merkel l’Angela, quella signora germanica che si occupa di politica, mente al proprio elettorato per opportunismo politico.

Chissà cosa succederà con Sarkozy...

poi fate voi, forse è tempo che la politica diventi più trasparente e vera.

Zorro.

--------------------------------------------------------