.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

30 marzo 2010

Prezzo del latte in aumento, dice la relazione della Commissione


Con Jennifer Rankin

30.03.2010 / 09:54 CET
Settore lattiero-caseario ha fatto bene nella seconda metà dello scorso anno, ma gli agricoltori incontra ancora difficoltà.
Prezzo del latte un aumento nel secondo semestre dello scorso anno dopo essere scesa a livelli molto bassi, secondo un rapporto della Commissione europea.
La relazione, che è stata presentata UE ministri dell'agricoltura a Bruxelles ieri, mostra che i prezzi medi del latte nell'UE è aumentata del 15% tra maggio e dicembre dello scorso anno. I prezzi sono saliti da € 0,244 centesimi al litro in maggio a 0,284 € a novembre. Il prezzo è sceso a 0,283 € cent nel mese di dicembre, in linea con le tendenze stagionali.
La Commissione ha accolto con favore il ritorno alle normali condizioni di mercato, ma ha detto che vuole nuove misure per proteggere gli agricoltori contro la volatilità dei prezzi.
"C'è stata una situazione di crisi dello scorso anno ... e ha fatto prendere una certa quantità di tempo per il settore lattiero-caseario per recuperare", ha dettoDacian Ciolos , il commissario europeo per l'agricoltura, che ha presentato il rapporto ai ministri.
Ma ha detto che gli agricoltori sono ancora in difficoltà: "Possiamo essere molto contento che non siamo più nella situazione molto difficile all'anno scorso, ma questo non significa che i prezzi dovuto riprendersi in pieno ai livelli pre-crisi, e gli agricoltori dairy non hanno di certo recuperato le perdite pre-crisi ".
Il crollo dei prezzi provocato manifestazioni di collera da parte degli agricoltori in Francia, Germania e Belgio, tra le proteste di molti a Bruxelles dove i contadini bruciati del fieno e latte versato sulle strade.
In risposta a prezzi più bassi, le restituzioni all'esportazione Commissione ha re-introdotto e ha iniziato a comprare burro e latte in polvere invenduto. Un extra di € 600 milioni sono stati spesi nel 2009 per aiutare i produttori lattiero-caseari, e un altro è € 300 milioni da spendere nei prossimi mesi.
Senza questa gestione del mercato del settore lattiero-caseario non avrebbe recuperato più rapidamente, ha detto Ciolos, una visione che è condivisa dalla maggioranza degli Stati membri dell'UE.
La Commissione intende proporre nuove misure al fine dell'anno per assicurare la stabilità dei prezzi, ha detto. Tali "misure non-bilancio" permetterebbe di affrontare il potere negoziale dei produttori ', come i meccanismi di mercato potrebbe essere "cambiati e gestito e diventare più efficienti", come nonché i contratti e la trasparenza nella catena di fornitura, ha detto il Commissario.
ministri dell'Agricoltura discuteranno questi temi in luglio, a seguito di una relazione di un gruppo ad alto livello sul futuro del settore.
La Commissione e la Spagna, il titolare della Presidenza di turno dell'UE, l', ha respinto le accuse che il supplemento di € 300 che i produttori di latte sono di ottenere nel 2010 non era un buon uso delle risorse "L '[situazione] prezzo è instabile", ha detto Elena Espinosa , la spagnola ministro per l'agricoltura. "Ci sono discrepanze tra gli Stati membri ed è qualcosa che mostra la crisi è ancora in corso".
ministri dell'agricoltura dell'UE hanno discusso ieri anche il ruolo dell'agricoltura nella UE di nuovi 2.020 posti di lavoro e piano di crescita.
Almeno quattro paesi - Francia, Irlanda, Portogallo e Romania - ha insistito che la strategia dell'UE per il 2020 non dovrebbe avere un impatto negativo sul bilancio agricolo. Molti altri auspicato una forte politica agricola comune che è stato "adeguatamente" finanziata. Un altro gruppo - tra cui Germania, Danimarca, Repubblica Ceca e Lussemburgo - ha detto questo è stato il momento sbagliato per parlare del bilancio.
© 2010 European Voice. Tutti i diritti riservati.

17 marzo 2010

il domain .RF sarà accessibile a tutti gli interessati già entro il prossimo autunno. Ma attualmente la Russia, anche senza questo nuovo domain, è ben nota in Internet come un paese assai avanzato con utenti anziani. Non a caso l’edizione Internet russa F5 ha determinato la graduatoria dei blogger piu anziani del pianeta in cui sono presenti anche quelli russi tra cui, in particolare, il 77-nne abitante di Togliatti-grad Alexandr Notik e l’86-nne moscovita, reduce della Grande Guerra Patria Dmitry Lomonosov.

Continuiamo il programma
Foto_RIA_Novosti
Foto_RIA_Novosti
Foto_RIA_Novosti

Stando ai risultati dell’anno scorso RuNet, nonostante la crisi finanziaria globale, si è accresciuto del 37 %, superando anche la Cina dove la crescita è stata pari solo all’uno percento. Tali dati sono stati diffusi in marzo dal Centro di coordinamento del domain nazionale della Rete Internet.

 A detta del dirigente del Centro Andrei Kolesnikov, RuNet è cresciuto grazie ai proventi derivanti dai servizi dei provider, nonché dei mercati in sviluppo dinamico di Internet mobile e della pubblicità ondine. In particolare, l’anno scorso la pubblicità ondine ha superato la pubblicità sui mezzi di carta stampata e alla radio. Stando ai risultati del 2009 è cresciuta circa del 10 %. Internet è quasi l’unico segmento del mercato di pubblicità in cui le entrate nel bilancio non solo non sono calate ma al contrario sono aumentate, — constata Evghenij Etin, Amministratore Delegato dell’Agenzia di marketing innovativo “Promo Interactive”. A suo dire, il mercato di pubblicità ondine rimarrà anche quest’anno un segmento a crescita rapida.

RuNet si sta sviluppando in maniera molto dinamica: attualmente nella zona ru sono registrati 2 milioni e 600 mila nomi. Per questo indice la Russia ha superato altri paesi e si è saldamente posizionata al sesto posto nel mondo. Lo si deve all’aumento del numero degli utenti nelle regioni russe, — ha detto a “La Voce della Russia” Andrei Vorobiov , direttore del Dipartimento Relazioni con il pubblico del Centro di coordinamento del domain nazionale di Internet.

VOROBIOV: La crescita di Internet e del numero delle registrazioni dei domain nella zona ru è diventata possibile grazie alla diminuzione del prezzo dell’accesso alla Rete Internet nelle regioni russe. Con la crescita dell’uditorio RuNet diventa piu attraente per gli investitori – è un altro motivo della sua crescita qualitativa.

 Al Centro per RU si ritiene che in un prossimo avvenire Internet russo possa svilupparsi attivamente grazie all’incremento dell’uditorio adulto delle regioni russe. In sostanza, proprio per lo stesso si crea il nuovo domain radice .RF destinato a favorire l’ulteriore sviluppo e crescita di RuNet, — è convinto Andrei Vorobiov.

VOROBIOV: L’apparizione di una nuova zona domain offre delle nuove possibilità agli utenti di Internet. In particolare, attraenti nomi domain che non si possono registrare nelle stesse zone ru o сom. Il domain .RF è interessante per il fatto che ci sono molti nomi simpatici in lingua russa – accessibile e chiara agli utenti delle generazioni che ci hanno preceduto. Ad Internet approdano molti pensionati per cui gli indirizzi in russo sono piu comodi. Ciò significa che potranno sentirsi piu in agio in Internet.

Secondo le parole di Andrei Vorobiov,  Nella lista della graduatoria troviamo anche l’82-nne attivista del Movimento per i diritti umani Ludmila Alexeeva  e l’84-nne rappresentante del Partito “Jabloko” Enghelina Tareeva . In quale misura aumenterà il numero di simili user avantati con l’apparizione del domain .РФ – lo vedremo in un prossimi avvenire.
Traduzione dal russo di A. Ivanovsky
Responsabile di trasmissioni L. Andreeva
Fonico Ju. Zolotareva
Redattore  N.Prokhorova

L'obesità sembra essere associato ad un aumentato rischio di depressione e la depressione, sembra anche essere associato ad un aumentato rischio di sviluppare obesità

L'obesità sembra essere associato ad un aumentato rischio di depressione e la depressione, sembra anche essere associato ad un aumentato rischio di sviluppare obesità, secondo una meta-analisi di studi precedentemente pubblicato nel numero di marzo di Archives of General Psychiatry, uno dei JAMA / archivi dei periodici.
'Sia la depressione e l'obesità sono ampiamente diffusi problemi con le maggiori implicazioni per la salute pubblica', scrivono gli autori, come informazioni di base in questo articolo. 'A causa della elevata prevalenza di depressione e l'obesità sia, e il fatto che entrambi muniti di un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, una potenziale associazione tra la depressione e l'obesità è stata presunta e ripetutamente state esaminate.' Comprensione del rapporto tra le due condizioni nel tempo potrebbero contribuire a migliorare la prevenzione e strategie di intervento.
Floriana S. Luppino, MD, del Leiden University Medical Centre e GGZ Rivierduinen, Leiden, Paesi Bassi, e colleghi hanno analizzato i risultati di 15 studi precedentemente pubblicati coinvolgendo 58.745 partecipanti che hanno esaminato le longitudinali (nel tempo) rapporto tra depressione e sovrappeso o obesità.
'Abbiamo trovato associazioni bidirezionali tra la depressione e l'obesità: le persone obese 55 per cento ha avuto un aumento del rischio di sviluppare la depressione nel corso del tempo, che le persone depresse 58 per cento ha avuto un aumento del rischio di diventare obeso,' scrivono gli autori. 'L'associazione tra la depressione e l'obesità era più forte l'associazione tra la depressione e il sovrappeso, che riflette un gradiente dose-risposta.'
Sub-analisi ha dimostrato che l'associazione tra obesità e la depressione in seguito è stato più pronunciato tra gli americani che tra gli europei, e più forte per il disturbo diagnosticato rispetto ai sintomi depressivi.
Prova di un legame biologico tra sovrappeso, obesità e la depressione rimane incerto e complesso, ma diverse teorie sono state proposte, la nota degli autori. L'obesità può essere considerato uno stato infiammatorio, e l'infiammazione è associato con il rischio di depressione. Perché magrezza è considerata un ideale di bellezza sia negli Stati Uniti e in Europa, il sovrappeso o obesi possono contribuire alla insoddisfazione del corpo e scarsa autostima che pone gli individui a rischio per la depressione. Al contrario, la depressione può aumentare il peso nel tempo, attraverso l'interferenza con il sistema endocrino o gli effetti negativi dei farmaci antidepressivi.
I risultati sono importanti per la pratica clinica, la nota degli autori. 'Perché l'aumento di peso sembra essere una conseguenza tardiva di depressione, i prestatori di cure devono essere consapevoli che all'interno di peso pazienti depressi devono essere monitorati. Nei pazienti in sovrappeso o obesi, stato d'animo deve essere monitorato. Questa consapevolezza potrebbe portare alla prevenzione, diagnosi precoce e co-trattamento per i più a rischio, che potrebbe in ultima analisi, ridurre il carico di entrambe le condizioni, 'hanno concluso.

Source: JAMA and Archives Journals

Consigli per gli anziani comprendono promozione di un invecchiamento sano e ottimale stato nutrizionale, nonché alla ricerca di risorse nelle loro comunità per aiutarli a rimanere indipendente man mano che invecchiano.

La Società per l'educazione nutrizionale (SNE) ha collaborato con l'American Dietetic Association (ADA) e American Society for Nutrition (ASN), di pubblicare un documento di posizione, 'Posizione dell'American Dietetic Association, American Society for Nutrition, and Society for Nutrition Education : Food and Nutrition Programmi per la Comunità Residenti adulti più anziani, 'focalizzato su accesso ad alimenti sicuri e adeguati e servizi di alimentazione, compresa l'educazione alimentare, per il crescente numero di anziani che ricevono assistenza sanitaria nelle loro case o comunità, piuttosto che in case di riposo o altre strutture residenziali.
Il documento è pubblicato nel numero di marzo / numero di aprile del Journal dell'END of Nutrition Education and Behaviour e il numero di marzo del Journal of the American Dietetic Association. E 'stato scritto e pubblicato congiuntamente da END, ADA e ASN, e rappresenta la posizione ufficiale di tutte e tre le associazioni' su questo problema di salute:
Tenuto conto della politica federale di contenimento dei costi di riequilibrare le cure di lunga durata lontano da case di cura a domicilio e servizi a livello di comunità, è la posizione della American Dietetic Association, l'American Society for Nutrition and the Society for Nutrition Education, che tutti gli adulti più anziani dovrebbero avere accesso al cibo e programmi nutrizionali che assicurano la disponibilità di alimenti sicuri e adeguati per promuovere ottimale stato nutrizionale. Degli alimenti e nutrizione programmi includono l'assistenza alimentare adeguatamente finanziata e programmi di pasti, educazione alimentare, selezione, valutazione, consulenza, terapia, monitoraggio, valutazione e gli esiti della documentazione al fine di garantire l'invecchiamento più sano. Il crescente numero di adulti più anziani, il centro di assistenza sanitaria per la prevenzione e la situazione economica mondiale accentuano l'esigenza fondamentale di questi programmi
'Siamo lieti di avere l'opportunità di aderire sia ADA e ASN nella creazione di una posizione relativa ai servizi di alimentazione per gli anziani', dice Geoffrey Greene, PhD, RD, LDN dell'Università di Rhode Island e END Presidente. 'Con un aumento della speranza di vita, è fondamentale che gli adulti più anziani hanno la possibilità di rimanere indipendente in casa e nella comunità.'
L'END comune, ADA e la presa di posizione ASN riguarda principalmente l'accesso a cibo sicuro e sufficiente per gli anziani nelle comunità e affronta questioni legate alla insicurezza alimentare, la fame e la malnutrizione, e il cibo e programmi nutrizionali che servono gli adulti più anziani in situazioni di comunità. Secondo il giornale, quasi il 13 per cento della popolazione statunitense è di età 65 anni e vive più a lungo e in crescita in valori assoluti, con quelli di 85 anni e anziani in più rapida crescita del segmento. Proiezioni per il 2030 stima un aumento a 72 milioni di euro o il 20 per cento della popolazione.
Con l'aumento dei costi rappresentano un fattore significativo per gli anziani a prendere decisioni circa l'assistenza sanitaria, il documento di indirizzi di programmi di assistenza alimentare, che può contribuire a ridurre questi costi aiutando le persone a rimanere nelle loro case. Il giornale afferma che alcuni programmi di assistenza alimentare in grado di supportare le persone che vivono più sano e in modo indipendente in casa di quelle degli adulti più anziani che vivono in una struttura di cura. Consigli per gli anziani comprendono promozione di un invecchiamento sano e ottimale stato nutrizionale, nonché alla ricerca di risorse nelle loro comunità per aiutarli a rimanere indipendente man mano che invecchiano.

Fonte: Elsevier Health Sciences

12 marzo 2010

Uno studio di Spi-CGIL ha dimostrato che le tasse sulle pensioni degli anziani in Italia sono le più alte d’Europa.

LE CIFRE
I pensionati, nel nostro paese contribuiscono per circa un terzo dell’IRPEF, per l’esattezza il 30,4%. Rispetto a Francia e Germania, quello che entra effettivamente nelle tasche dei nostri anziani è pari al 15% in meno dei loro colleghi di Francia e Germania. La differenza non sta nell’introito lordo, ma in quello che rimane dopo aver tolto il valore delle tasse sulle pensioni, che a Berlino e Parigi è pari a zero per l’importo medio degli italiani, ovvero 13.700 euro all’anno. Da noi invece rimangono in tasca 11.631 euro. Solo la Svezia fa peggio di noi, lasciando agli anziani 10.247 euro. Anche se va detto che il sistema di welfare svedese è incredibilmente più avanzato di quello italiano.
LA POLITICA
I pensionati in Italia si sentono giustamente presi in giro, in quanto nessuno, né a destra né ha sinistra sembra tutelare i loro interessi. L’aggravante, è che ogniqualvolta si promette qualcosa, come l’aumento delle pensioni, poi nella sostanza dei fatti non si mantiene, in quanto le tasse sulle pensioni annullano qualsiasi beneficio.
Anche organizzandosi in un partito, che si allea di volta in volta con una diversa coalizione, non si riesce a ottenere nulla.
La situazione è preoccupante per i nostri anziani, ma è anche vero che le casse dello stato non sono in grado di sostenere ulteriori spese. Tuttavia si abbia il coraggio di ammetterlo, almeno.
IL TRATTAMENTO PEGGIORE
Ultima beffa, per i pensionati, è il trattamento a loro riservato. Peggiore di quello di un lavoratore dipendente. A parità di condizioni infatti, sono tassati maggiormente i pensionati per circa un punto percentuale.
Certo, in fase di elezioni questi dati non compaiono. Ma nelle pensioni riscosse ogni mese si sente.

Fonte: la Repubblica

5 marzo 2010

Cresce la povertà assoluta degli anziani

Indagine Auser

Riducono i consumi e si indebitano. E i comuni affidano sempre più al Terzo Settore la gestione dei Servizi Sociali

AUSER.IT - Redazione (CS) - 03/03/2010
 
ROMA - Cresce la povertà assoluta  degli anziani e peggiorano le loro condizioni di vita,  il fenomeno riguarda soprattutto gli anziani soli ultra 65enni. Ad essere interessati sono 7 anziani su 100 nel 2008 e le coppie con anziano capofamiglia, circa 5 su 100.
Lo mette in evidenza la prima indagine su «La condizione sociale degli anziani» presentata oggi a Roma dall’Auser. I dati sui consumi mensili degli anziani, confermano l’ipotesi del progressivo peggioramento delle condizioni reali di vita per questa fascia della popolazione. Le statistiche ISTAT mostrano, infatti, come negli ultimi 6 anni (2003 – 2008) la spesa media mensile di un anziano solo cresca esclusivamente nelle componenti dei costi per l’abitazione e l’energia (+1,1%) e dei trasporti (+1%).
Al contrario, nello stesso periodo, l’anziano che vive solo ha ridotto soprattutto le spese per l’alimentazione (- 1,4%) e abbigliamento e calzature (- 0,5%).
Nel caso di coppia senza figli con capofamiglia ultra 65enne, solo una voce di spesa risulta in aumento: quella destinata all’abitazione ed energia +3,2%. In calo tutte le altre voci di spesa.
Cresce la povertà assoluta degli anziani

Gli anziani si impoveriscono e si indebitano
La conferma viene dalla Banca d’Italia dai dati sulla struttura dei debiti familiari e sulla vulnerabilità finanziaria delle famiglie.
Le famiglie anziane con capofamiglia over 64 e quasi anziane con capofamiglia di età compresa tra i 55 e i 64 anni, risultano quelle con il debito per beni di consumo più elevato, rispettivamente dell’11,9% e del 13,8%. In assoluto i nuclei con capofamiglia ultra64enne sono anche quelli più indebitati con amici e parenti. 
Pensioni: il regno della disuguaglianza
In questo contesto – sottolinea l’indagine dell’Auser- il sistema pensioni rafforza ulteriormente le condizioni di disagio degli anziani, ponendosi anche come il regno della disuguaglianza, soprattutto al Sud.
Sfiora, infatti,  i 780  euro l’importo medio mensile delle pensioni percepite dagli anziani che risiedono in Italia  Ma se il pensionato, con più di 65 anni,  vive al Sud, la quota di cui può disporre diminuisce di quasi  160  euro (620 euro), se invece appartiene alle regioni del Nord-Ovest aumenta  fino a 910 euro. Se poi l’anziano del Sud è uomo, allora l’assegno pensionistico sale fino a 792 euro e scende  addirittura fino  490 euro per le donne.  Infine, mediamente, tra un settantenne e un ultra-ottantenne in pensione passa una differenza di oltre 180 euro (da 680 a 500 euro pro-capite).E’ lo specchio del divario – territoriale, fra uomo e donna, per fasce d’età - che esiste in tema di pensioni ed anziani over 65.
La distribuzione degli importi medi delle pensioni e in particolare di quelle di vecchiaia riflette le conseguenze di problemi cronici  e conferma che l’Italia  è un paese ad alta povertà e disuguaglianza, un fenomeno che riguarda soprattutto il Mezzogiorno. In sostanza, sia le forti differenze territoriali che riguardano i trattamenti salariali e previdenziali dei lavoratori dipendenti privati e autonomi, sia il fenomeno del lavoro sommerso, hanno pesato negativamente sul rendimento delle pensioni e anche in termini di copertura del sistema di protezione sociale.
I comuni stretti nella morsa dei tagli alla spesa
I risultati del III Rapporto Auser Enti Locali e Terzo Settore

Di contro i comuni si ritrovano stretti sempre più  nella morsa dei tagli alla spesa e agli organici, costretti ad affrontare un forte incremento della domanda e del bisogno  sociale. In sostanza la gestione dei servizi sociali vede sempre più protagonista il Terzo Settore, in presenza però di regole e criteri di affidamento ancora incerti e poco trasparenti. Lo mette bene in evidenza il «III Rapporto Enti Locali e Terzo Settore» dell’Auser  presentato oggi sempre a Roma.
In base ai dati rilevati dall’Auser, sono soprattutto i Comuni più grandi per dimensione demografica -  dove probabilmente la crescente domanda di assistenza necessita, per poter essere soddisfatta, di un numero elevato di operatori - ad affidare all’esterno la gestione dei servizi sociali e alla persona.  I settori d’intervento che assorbono le quote maggiori di risorse destinate all’acquisto di prestazioni sociali, riguardano la gestione degli asili nido, delle strutture residenziali e dei  ricoveri per anziani  e dell’assistenza domiciliare.
Nel 2009 circa il 51,6% della spesa comunale  finalizzata all’assistenza,  è stata impiegata dai Comuni per affidare all’esterno, in particolare a favore delle imprese sociali e delle associazioni del territorio, la gestione di interventi e servizi sociali. Questo fenomeno,  presenta caratteristiche più marcate nelle aree del Mezzogiorno (circa il 55%); nelle aree del Nord-Ovest si riduce, invece, la quota della spesa per l’acquisto di servizi (49,1%).
La qualità degli appalti sociali
Il 15% delle gare sono state indette sulla base del criterio di aggiudicazione al prezzo più basso determinato mediante massimo ribasso sull'elenco delle offerte. Questa formula è volta a premiare esclusivamente i ribassi proposti dalle imprese sociali rispetto alla base d’asta o prezzo base  progettato dal Comune, ignorando, in definitiva, le componenti tecniche e qualitative delle offerte.
Tale prassi è ancora adottata dai Comuni, nonostante che la legge 328/2000 e le norme regionali di settore sollecitino, ormai da anni, le amministrazioni pubbliche ad abbandonarla.
Neanche il 20% dei bandi comunali contiene disposizioni dettagliate per tutelare la sicurezza sul lavoro e in materia di antinfortunistica, relativamente ai dipendenti delle imprese sociali.
Nella quasi totalità dei bandi esaminati, inoltre, le amministrazioni locali non hanno applicato gli indirizzi della riforma dell’assistenza per la diffusione delle forme di aggiudicazione cosiddette negoziate, volte cioè a sviluppare – attraverso le formule dell’ «appalto concorso» e della «co-progettazione» - le capacità progettuali dei concorrenti del Terzo Settore.
Solo 8 delle 140 gare pubbliche prevedono, infatti, l’aggiudicazione di servizi sociali sulla base dell’»appalto concorso» (che lascia libertà alle imprese sociali di proporre progetti di ampio respiro per la gestione di una determinata prestazione sociale);  inoltre, solo 7 Comuni hanno chiesto a cooperative e associazioni sociali di co-progettare insieme un servizio,  attivando, così come prevede anche il «Codice degli appalti» (Dlgs 163/2006)  un tavolo di lavoro congiunto, tra ente committente e impresa aggiudicataria, finalizzato a monitorare e a ri-programmare continuamente la gestione dell’intervento sociale.
Ad aggiudicarsi la fetta più grossa sono le cooperative sociali, soprattutto nel Nord Ovest (88%). Le associazioni di volontariato risultano affidatarie dei servizi sociali al Sud per il 21% nelle isole per il 23%.
Le  cooperative sociali gestiscono in particolare servizi di assistenza domiciliare agli anziani, interventi assistenziali di base (gestione di centri con ospiti residenziali), e servizi all’infanzia, specie quelli a carattere educativo e ricreativo. Alle associazioni di volontariato i Comuni affidano in particolare la gestione di  servizi cosiddetti innovativi e integrativi, di supporto agli interventi «complessi»: Laboratori di animazione sociale; Interventi di sollievo e supporto psicologico; Trasporti sociali; accompagnamento; servizi agli immigrati.
I criteri di affidamento dei servizi sociali comunali sono ancora non pienamente trasparenti.
La breve durata degli incarichi, la carenza di controlli degli uffici comunali sull’operato del Terzo settore e in particolare sul fenomeno del lavoro nero, costituiscono elementi di forte incertezza nella ripartizione della spesa sociale e soprattutto relativamente all’erogazione di prestazioni di qualità.
Fonte AUSER